Crea sito

Naturismo Capalbio (GR)


Si tratta di una parte della lunghissima e bellissimaspiaggia (crediamo almeno 8 chilometri)  (più a sud, dove  dove ci sono gli stabilimenti più famosi della zona) la parte naturista si trova a MACCHIATONDA nel  comune di Capalbio.

A Macchiatonda ci si arriva dall’Aurelia (bivio al km 133,800) da cui dista meno di due chilometri. Vi sorge un vecchio casale abbandonato, e, in riva al mare, un ristorante (Carmen Bay) ed un paio di stabilimentini balneari, oltre alla spiaggia libera. Alla fine della strada c’è un parcheggio a pagamento coperto con teli filtra-sole (1 euro la prima ora, 0,60 le ore o frazioni successive). Quando il parcheggio è pieno si può usufruire di un altro parcheggio – sempre a pagamento ed allo stesso prezzo, ma scoperto – collocato circa 350 metri prima della fine della strada.


 Dopo circa 15-20 minuti di cammino si arriva all’altezza dello sbocco principale dell’oasi del WWF sul mare, esso è riconoscibile da una serie di tavole (tipo traversine ferroviarie) “piantate” nella sabbia per evitare lo sfrangersi della duna. Dopo 100-200 metri comincia un tratto di spiaggia incantevole, poco frequentato, meta al più di qualche buon camminatore lungo riva, dove si trovano pressochè esclusivamente naturisti. Nei periodi di maggiore affluenza, considerato che il tratto maggiormente utilizzato è lungo 4-500 metri dei successivi 6-7000.


L’ambiente è abbastanza tranquillo perché, a differenza di altri posti simili (Lido di Dante, Bibbona, lo stesso Nido dell’aquila) il terreno alle spalle della spiaggia (larga dai 10 ai 25 metri) è impraticabile. La macchia infatti si fa fitta, ed esclusi quindi gli accessi all’oasi del WWF (ne conosciamo in questo tratto almeno tre) che a sua volta è evidentemente recintata verso terra, non ci sono passaggi possibili. Oltretutto si tratta di un tratto di costa che ha alle spalle (oltre la duna e la macchia, ma vicinissimo in linea d’aria) il Lago di Burano ed è quindi quasi “inviolabile” per altra via che non sia lungo la spiaggia (allo scoperto quindi) o dal mare.


Il tratto più bello di questa costa è comunque sicuramente quello che va dal citato ingresso dell’oasi del WWF fino all’estuario del lago costiero dove c’è anche una torre di quardia (saracena?): in tutto non più di 1500-1800 metri. Il mare è … perfetto: quando non è mosso è trasparente come quello di scoglio ed il fondale non è mai da secca (tipo Alberese) né subito profondo (tipo Nido dell’aquila). L’arenile è un po’ come ad Alberese, selvaggio con molti residui di legno

IL FORTE

LA SPIAGGIA

TRAMONTO

Costruisci il tuo sito

Testo